Passa ai contenuti principali

Bio



Il mio percorso


Nasco a Cosenza nel 1982. Dopo il liceo, mi divido tra il lavoro di commesso e quello di artista. Durante gli ultimi venti anni ho visitato numerosi laboratori di artisti e artigiani, nell'ambito della ceramica, della scultura e del bonsai, sia in Italia che all'estero. Cercando, così, di formarmi al meglio pur restando un autodidatta.

Negli anni ho sempre cercato di seguire l'insegnamento Zen “Raggiungere la bellezza con la semplicità dei mezzi e dei materiali”, per questo preferisco realizzare le mie opere secondo una metodologia tradizionale, sostenibile, ed essenziale.

In tutte le mie opere cerco di utilizzare materie o elementi del territorio, dall'argilla alle legende. Modello il gres, con strumenti poveri e secondo metodi antichi, cuocendo tutte le mie creazioni nel forno a legna ad alta temperatura.

Pratico pertanto un’arte introspettiva e minimalista dettata dal difficile contesto socio-culturale in Calabria, diviso tra crisi economica, disoccupazione, criminalità e forte disparità sociale. Nonostante sia molto difficile e anacronistico fare arte nella mia città continuare per me significa resistere alle bruttezze del quotidiano. Il mio obbiettivo è quello di riuscire prima o poi ad aprire un laboratorio di scultura che funga da stimolo per la mia città perché credo che attraverso l'arte si crea una cultura positiva, capace di sconfiggere gli stereotipi della mia terra.


I miei riconoscimenti


2019 Novembre: Vincitore del Primo Premio del Concorso Nazionale “Ritratto di un economia d’autore – Camera di Commercio Italiana” – ( Concorso organizzato dalla Camera di Commercio Italiana, per giovani artisti con premio in denaro);

2018 Selezionato all' “Art and Craft Design Award” - Londra - competizione internazionale annuale per artigiani e designer;

2017 Selezionato, per la seconda volta, dall'associazione Yakimono World Wide, comunità Internazionale dedicata alle ceramiche usate nella cerimonia del tè giapponese.

2017 Selezionato all' “Art and Craft Design Award” - Londra - per la reinterpretazione delle maschere apotropaiche della magna grecia;

2016 Selezionato all' “Art and Craft Design Award” - Londra - competizione internazionale annuale per artigiani e designer;

2016 Pubblico sulla rivista Bonsai Focus - “Ceramica Zen” - numero 138/161 (edizione inglese);

2014 Selezionato, per la prima volta, dall'associazione Yakimono World Wide, comunità Internazionale dedicata alle ceramiche usate nella cerimonia del tè giapponese.



Commenti

Post popolari in questo blog

Pietra di luna, mezzaluna, luna crescente, roccia per bonsai... fate voi!

Ho impiegato quattro ore in una calda mattina di luglio per attaccare le scaglie una ad una, sotto l'ombra di un castagno.





Vaso per bonsai in semi cascata, levigato verticalmente.

Vaso per bonsai in semi cascata (Han Kengai) misura circa 18,5cm x 18,5cm x 20cm di altezza. La particolarità di questo vaso sta nel fatto che è stato levigato con un sasso in senso verticale, questo procude una texture molto particolare che rende le parti trattate quasi lucide, creando un gioco di luce molto bello sulla superfice sopratutto se bagnato. E' una tecnica primitica che in antichità si usava per cercare di rendere i vasi il più possibile impermeabili ai liquidi che contenevano, solitamente questa tecnica non è usata con l'alta temperatura in quanto bisogna essere molto delicati per evitare crepe durante la cottura, ma in questo caso l'esperimento è riuscito bene, perciò ci riproverò sicuramente.




Una degna location per la mia creazione luminosa