Passa ai contenuti principali

Pratica disegno #7 :Dis-graziato oriente, due Unalome

L’Unalome è un simbolo che come tutti gli altri del mondo buddista e orientale è stato adottato dalla mentalità schematica e didascalica occidentale. Ho visto questo simbolo violentato in mille modi come del resto anche quello del post successivo, l’Enso. La simbologia dell’oriente è vittima della superficialità consumistica e capitalistica che né vuole sfruttare il fascino per globalizzare il senso estetico ed avere simboli riconoscibili in tutto il mondo. Infatti questi simboli sono ormai ovunque, in tutti i continenti, è sono diventati “fighi” (termine orribile) riconosciuti e assimilati dalla massa che è ben contenta di acquistare merci o servizi che ne rechino vaghi rimandi mistici orientaleggianti.

Questa non è una lezione ma un’opinione, ho ritratto il simbolo originale molto ossidato e invecchiato, quasi “muschiato” (inizio ad usare l’ossido di rame in aggiunta a quello di ferro), a voler rimandare al vero significato dell’Unalome: la dualità, uomo donna, maschio femmina, negativo e positivo. In parole semplici l’unicità complementare, la necessità di percorsi e visioni differenti in relazione sempre con l’altro. Vanno per forza di cose insieme.

A dirla tutta io sono da sempre affascinato dal Giappone, mitico e ancestrale, un pò come tutta la mia generazione del resto. Ma per quanto possa appassionarmi, leggere e informarmi, per me resterà sempre un piacere esclusivamente intellettuale. Personalmente credo che non avrebbe alcun senso mettersi larghi calzoni bianchi e stare a petto nudo nella posizione del loto sotto il ciliegio del condomino, se non quello di farsi venire a prendere dalla neuro, dietro gentile segnalazione della gattara che “vive” puntualmente in ogni condominio. Manca l'appartenenza, la radice, per maggiori dettagli di buddismo comico fare riferimento a quello californiano e non aggiungo altro...

L'opera è stata realizzata in Gres ad alta temperatura, 1260°C, in fornace a legna; cristallina base cenere e colorazione in ossido di rame e di ferro puro; composta da: due dischi diametro 12 cm, altezza 3cm.






Opera Disponibile



Commenti

Post popolari in questo blog

Pietra di luna, mezzaluna, luna crescente, roccia per bonsai... fate voi!

Ho impiegato quattro ore in una calda mattina di luglio per attaccare le scaglie una ad una, sotto l'ombra di un castagno.





Vaso per bonsai in semi cascata, levigato verticalmente.

Vaso per bonsai in semi cascata (Han Kengai) misura circa 18,5cm x 18,5cm x 20cm di altezza. La particolarità di questo vaso sta nel fatto che è stato levigato con un sasso in senso verticale, questo procude una texture molto particolare che rende le parti trattate quasi lucide, creando un gioco di luce molto bello sulla superfice sopratutto se bagnato. E' una tecnica primitica che in antichità si usava per cercare di rendere i vasi il più possibile impermeabili ai liquidi che contenevano, solitamente questa tecnica non è usata con l'alta temperatura in quanto bisogna essere molto delicati per evitare crepe durante la cottura, ma in questo caso l'esperimento è riuscito bene, perciò ci riproverò sicuramente.




Una degna location per la mia creazione luminosa