Passa ai contenuti principali

Pratica disegno #4: Polluce e le “mie” maschere

Ho scelto tre maschere della tragedia greca dal catalogo di Polluce, che trovo proprio attuali. Visi nascosti da maschere nate per amplificare uno stato d’animo, oggi sono sfuggite dai teatri e dalla storia. Una società che amplifica solo indifferenza, disperazione e apparenza. Ecco le maschere che propongo, volutamente in questo preciso ordine partendo da sinistra:

Nella prima ho tratto ispirazione dalla maschera Mesokouros prosphatos. Una giovane donna coi capelli non acconciati di media altezza tagliati da poco tempo, la sua espressione indifferente contemporaneamente distesa, dura, quasi violenta.

Nella seconda ho rivisto i tratti della Mesokouros ochrá. Una donna di bel aspetto, con capelli ben acconciati e morbidi boccoli che contrastano fortemente con l’espressione contratta e accigliata. La sua bocca aperta, interrotta tra l’urlo e lo sconcerto.

Infine per la terza ho cercato la maschera Mélas anér. Un uomo maturo, ancora relativamente giovane, nella pienezza delle sue forze. Barba e capelli arricciati ordinatamente, con folte sopracciglia, tese e contratte, a sottolineare l’espressione calma e severa. Con occhi dilati orbite vuote e fisse, specchio di un anima vuota.

Sperando che questo lavoro possa essere riprodotto in una “dimensione” diversa, magari in bassorilievo tra qualche tempo… “Maledetta magna grecia!”.

L'opera è stata realizzata in gres ad alta temperatura, 1260°C, in fornace a legna; cristallina base cenere e colorazione in ossido di ferro puro; tre dischi Diametro 13 cm, Altezza 3cm.





Opera Disponibile








Commenti

Post popolari in questo blog

Pietra di luna, mezzaluna, luna crescente, roccia per bonsai... fate voi!

Ho impiegato quattro ore in una calda mattina di luglio per attaccare le scaglie una ad una, sotto l'ombra di un castagno.





Vaso per bonsai in semi cascata, levigato verticalmente.

Vaso per bonsai in semi cascata (Han Kengai) misura circa 18,5cm x 18,5cm x 20cm di altezza. La particolarità di questo vaso sta nel fatto che è stato levigato con un sasso in senso verticale, questo procude una texture molto particolare che rende le parti trattate quasi lucide, creando un gioco di luce molto bello sulla superfice sopratutto se bagnato. E' una tecnica primitica che in antichità si usava per cercare di rendere i vasi il più possibile impermeabili ai liquidi che contenevano, solitamente questa tecnica non è usata con l'alta temperatura in quanto bisogna essere molto delicati per evitare crepe durante la cottura, ma in questo caso l'esperimento è riuscito bene, perciò ci riproverò sicuramente.




Una degna location per la mia creazione luminosa