Passa ai contenuti principali

Una lunga assenza...

E' trascorso più di un mese dall'ultimo post, tra acciacchi stagionali e piogge monsoniche posso ritenermi fortunato ad essere ancora vivo !!!
Purtoppo le forti piogge sono filtrate nel mini-laboratorio e hanno rovinato molti pezzi crudi.
Sono comunque riuscito ad eseguire la cottura il 30 aprile, durata 16 ore in atmosfera ossidante con una temperatura massima di 1250°C, ho avuto ottimi risultutati con gli smalti da me preparati.

Vi porpongo alcuni esempi:


Si tratta di un vaso per bonsai di taglia medio-piccola misura 15cm per lato;
è fatto con gres nero chamotte 0.5mm;
lo smalto di base è blu cobalto con delle sfumature turchesi mentre sui bordi e gli angoli ha assunto un colore piu chiaro tendende al verde acqua marina; il colore è pieno, caldo e cambia con il variare delle condizioni di luce e della pozione dell'osservatore. Penso che la foto possa solo fa intuire il corpo dello smalto e il carattere del vaso. 



Per ideare questo vaso mi sono ispirato a quei vasi quadrati che in giappone sembrano tanto in voga negli ultimi mesi, ne ho visti molti sui blog che guardo solitamente, con colori molto sgargianti, cosi ho deciso di provare a modo mio. Si tratta di un vaso shohin di 9cm per lato sempre in gres nero con chamotte 0.5mm; lo smalto di base è rosso scuro, a tratti opalescente, con sfumature di un turchese biancastro trasparente quasi a voler svelare il materiale che lo compone. 

Per ultimo quest'ultimo vaso shohin rettangolare 10cm per 6cm, accompagnato dalla mia mano, molto emozionanta per la prima apparazione in pubblico!
La caratteristica di questo vaso, che ho notato solo oggi, è la sfumatura ad onda spumosa quasi turchese che divide le due bande di colore: Sopra un verde smeraldo satinato, sotto una texture molto complessa data dal verde e da tracce di blu cobalto.


Insomma un mese di Aprile difficile che a messo a dura prova la mia pazienza, che alla fine ha portato buoni risultati. Nella prossima settimana pubblicherò qualche foto di vasi più grandi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Pietra di luna, mezzaluna, luna crescente, roccia per bonsai... fate voi!

Ho impiegato quattro ore in una calda mattina di luglio per attaccare le scaglie una ad una, sotto l'ombra di un castagno. Pietra di luna NON smaltata di circa 30cm con base ovale con un'altezza di 40cm. Patina e riflessi ottenuti in riduzione a 1280°C naturalmente nella fornace a legna. Per quest'occasione legno di pino!

Vaso per bonsai in semi cascata, levigato verticalmente.

Vaso per bonsai in semi cascata (Han Kengai) misura circa 18,5cm x 18,5cm x 20cm di altezza. La particolarità di questo vaso sta nel fatto che è stato levigato con un sasso in senso verticale, questo procude una texture molto particolare che rende le parti trattate quasi lucide, creando un gioco di luce molto bello sulla superfice sopratutto se bagnato. E' una tecnica primitica che in antichità si usava per cercare di rendere i vasi il più possibile impermeabili ai liquidi che contenevano, solitamente questa tecnica non è usata con l'alta temperatura in quanto bisogna essere molto delicati per evitare crepe durante la cottura, ma in questo caso l'esperimento è riuscito bene, perciò ci riproverò sicuramente. Particolare della levigatura verticale.

Some pots for shitakusa & kusamono 2014

Pots for shitakusa & kusamono. Primavera 2014 - Spring 2014.  Vasi cotto in fornace a legna 1260°C ingelivo. Tutti i vasi sono fatti a mano senza tornio elettrico o stampi. Wood-fired pots 1260°C, frost resistant. All pots are hand made without mould and eletric potterwheel.  www.ilvasaioa5f11.com N0019 mm105x58 available on www.ilvasaioa5f11.com N0081 mm123x50 available on www.ilvasaioa5f11.com N0084 mm110x45 available on www.ilvasaioa5f11.com N0085 mm115x45 available on www.ilvasaioa5f11.com N0086 mm95x45 available on www.ilvasaioa5f11.com N0088 mm95x45 available on www.ilvasaioa5f11.com N0090 mm105x57 available on www.ilvasaioa5f11.com

Il mio forno a legna Anagama! Cotture estive...

Lavorando alla fornace...

Stagno #1: Sasso

Riprendo il concetto della precedente post “Cerchi concentrici: il sasso nello stagno” perché penso che ci sia molto altro da approfondire. In questa sequenza ho pensato all'evento che altera la quiete dello stagno, acqua morta e ferma per eccellenza. Il sasso scagliato nello stagno è il momento dello sconquasso, gradi schizzi d’acqua, che per un istante sembrano voler cambiare l’ordine naturale delle cose, onde che si propagano velocemente pronte a scuotere la superficie e il fondale oscuro. Ma si tratta di un evento improvviso, un fuoco di paglia, un attimo di pura violenza destinato a spegnersi altrettanto velocemente di come si è manifestato. Basta poco e le ultime increspature si acquieteranno e tutto ritornerà all'apparente quiete dell’acqua morta. Il sasso è metafora dell’evento che scuote nel profondo, generando conseguenze drammatiche. Evento che per chi non lo vive (e quindi lo vede dall'alto) altro non è che un increspatura. Nei due dischi laterali (d